image_pdfimage_print

Testo tratto dal sito: Guida Psicologi

“[..] Che cos’è l’autismo oggi?

Quando si parla di autismo, più che di un disturbo specifico, si parla di uno spettro, sia per le sue manifestazioni molto varie e sia perché esistono vari livelli di gravità, da forme più sfumate ad altre più acute, dalla fatica a relazionarsi con il mondo circostante (a livello sociale, comunicativo e cognitivo), alla presenza di un corredo di abilità, come concentrazione a lungo termine, identificazione delle idee logiche, elevate abilità matematiche, elaborazione delle informazioni visive. In linea generale, quindi, l’autismo è una condizione che influisce tipicamente sull’abilità della persona di comunicare, di avere relazioni con gli altri e di rispondere in modo appropriato all’ambiente circostante. Nello specifico, però, le persone con autismo presentano anche delle caratteristiche senso-motorie peculiari che co-determinano una coerente e difettuale apertura di mondo.

[..]

Cosa succede nel cervello di un paziente autistico?

Quanto detto sopra è anche in parte spiegato da uno sviluppo atipico del sistema nervoso e dell’organismo nel suo insieme. Da tempo infatti le teorie psicologiche sull’origine dell’autismo sono state superate essendo ormai chiaramente riconosciuta la base neurobiologica di questo disturbo, con la presenza di una forte predisposizione genetica. In particolar modo le parti del cervello che risultano essere maggiormente colpite sono: il cervelletto (implicato nelle capacità di attenzione e nel comportamento motorio), l’amigdala (coinvolta nel riconoscimento e nell’espressione delle emozioni), alcune parti del lobo temporale (adibite allo sviluppo del linguaggio e della percezione sociale) e la corteccia prefrontale (coinvolta in diverse abilità quali l’attenzione, la pianificazione e il comportamento sociale) (Geschwind & Levitt 2007). L’autismo, poi, oltre a colpire direttamente queste aree comporta disfunzioni a livello delle loro connessioni non consentendo quindi di lavorare in maniera coordinata (Murias et al. 2007).

Il mondo del paziente autistico

[..] Il nostro modo di fare esperienza, che si chiama ipseità, accade contemporaneamente a una certa apertura di mondo: io non posso fare esperienza senza un mondo che mi circonda; quindi la mia ipseità e l’apertura di mondo si co-appartengono e si co-determinano, è come dire che io posso fare esperienza solo se c’è una certa apertura di mondo, dove per mondo si intendono le persone, gli oggetti, i luoghi e i significati che hanno per me. Nell’autismo accade che un’alterazione genetica causa una patologia di questo modo di fare esperienza con conseguenti aperture di mondo difettuali. Questo spiega e rende conto dell’incapacità di queste persone di accedere alla rete coerente di rimandi che caratterizza il nostro essere-nel-mondo: in pratica il loro stare al mondo è diverso dal nostro. Il loro mondo, infatti, si manifesta secondo parzialità e questo porta di conseguenza a un modo di fare esperienza focalizzato e decontestualizzato che dà poi origine ai sintomi di cui parlavamo sopra.

Esiste una psicoterapia dell’autismo?

[..]

Le persone con autismo infatti presentano un deficit di cognizione sociale perché già a monte presentano una peculiare e deficitaria modalità di accedere alla comprensione pratica del mondo; questo impedisce di conseguenza non solo di accedere alle possibilità d’azione che sono accessibili a tutti coloro che condividono il loro mondo, ma impedisce anche a questi pazienti di avere un rapporto con il tempo e quindi avere degli orizzonti d’attesa (progetti), come se il futuro non esistesse e non si appalesasse; noi invece in quanto esseri umani esistiamo in conseguenza del nostro passato e ci progettiamo continuamente verso un futuro prossimo o lontano che sia. In questi casi, quindi, gravi patologie come l’autismo traggono beneficio da trattamenti che sono perlopiù basati sulla riabilitazione e la psicoterapia è solo una delle terapie che formano il quadro complessivo del progetto riabilitativo. Ecco perché con questi pazienti si parla più spesso di riabilitazione piuttosto che di psicoterapia, riabilitazione intesa come sostegno, una riabilitazione che, appunto, ri-abiliti il paziente accompagnandolo a “stare” nel mondo.

[..] “

Testo tratto dal sito: Guida Psicologi