image_pdfimage_print

Testo tratto dal sito: Sky TG 24

” Gli adolescenti che trascorrono più di tre ore al giorno sui social media possono manifestare comportamenti caratterizzati dal desiderio di evitare il contatto sociale e dalla difficoltà di far fronte all’ansia o alla depressione. A sostenerlo è uno studio della John School of Public Health di Baltimora, pubblicato sulla rivista scientifica Jama Psychiatric.

L’analisi dei comportamenti

Stando ai dati ricavati dai ricercatori, dunque, gli adolescenti che passano molto tempo su queste piattaforme hanno maggiori probabilità di manifestare livelli elevati di comportamenti che possono anche essere indicatori di problemi di salute mentale rispetto agli adolescenti che non usano affatto i social media. Per suffragare la loro tesi, i ricercatori hanno esaminato il tempo che gli adolescenti hanno riferito di spendere sui social media e parallelamente comportamenti che possono essere indicatori di problemi di salute mentale. Tra questi hanno valutato atteggiamenti ‘interiorizzanti’ che possono comportare l’allontanamento dalla vita sociale, trattenere i sentimenti o avere difficoltà ad affrontare momenti di ansia o depressione. Inoltre sono stati presi in considerazione atteggiamenti ‘esteriorizzanti’ quali l’aggressività, la capacità di fingere o la disobbedienza ai genitori. L’uso dei social media per un certo periodo di tempo è stato associato sia a un maggior rischio per quanto riguarda il primo genere di problemi sia a sintomi concomitanti di problemi che riguardano le due categorie. Lo studio però non ha riscontrato alcuna associazione significativa tra l’uso dei social media e comportamenti ‘esteriorizzanti’. Inoltre è emerso che gli adolescenti che trascorrevano almeno tre ore al giorno sui social media hanno maggiori possibilità di denunciare i problemi di interiorizzazione in autonomia.

[..]

Alla ricerca dell’equilibrio

Secondo Kira Riehm, studente di dottorato presso il Dipartimento di salute mentale della Bloomberg School, occorre trovare un modo migliore per bilanciare i benefici dei social media con possibili esiti negativi sulla salute. “Bisogna stabilire limiti ragionevoli, migliorare la progettazione delle piattaforme dei social media e focalizzare gli interventi sull’alfabetizzazione mediatica: questi sono tutti modi in cui possiamo potenzialmente trovare il giusto equilibrio per gli adolescenti”, ha commentato.  “

Per l’articolo completo e i numeri nel dettaglio dello studio clicca su: Sky TG 24